Il debito è democratico 4


Il Governatore della Banca d’Italia anche questo mese ci ha dato la lieta notizia, il debito italiano è aumentato e ha toccato un nuovo record sulla bilancia. È passato da una taglia  66 a una 68. 
Il debito e’ arrivato a quota 1’890’622’000’000 Euro, pari a circa 1.2 volte il PIL.
Se dividiamo tale importo per la popolazione italiana arriviamo a un debito procapite di 31’184.78 Euro.
 
Questo ammontare che grava sulle nostre teste e che prima o poi dovremo pagare, aumenta ogni giorno.
 
Dal 31.12.10  senza neanche saperlo siamo passati infatti da 30’399.52   a 31’184.78,  ciascuno di noi ha aumentato il propria posizione debitoria di 785 EURO (5 di questi sono dovuti al mancato accorpamento dei referendum alle amministrative)
 
Parliamo di 6.5 euro al giorno di aumento per ciascuno di noi .
 Debito Italiano 2011

In Italia la famiglia media è composta da 2,6 individui, questo significa che ogni famiglia ha un debito pari a piü di 81.000 euro.
Si dice che le famiglie italiane sono delle formichine e che risparmino molto,  ma dubito che ce ne siano molte  che possano vantare un conto in banca superiore a 81.000 euro. 
 
C’è da aggiungere un aspetto positivo,  il debito infatti e’ molto democratico,  e’ spalmato su tutti: donne, uomini, giovani, vecchi e bambini. Non ha razza ne’ religione. A lui non interessa se sei etero o gay. se sei abile o disabile, sei bianco, giallo o nero. Se sei bello o brutto, di destra o di sinistra. Lui cresce e noi prima o poi dovremo pagarlo ….. tutti.

 L’unico modo che hai per liberartene e’ non essere piu’ italiano oppure….. lasciarlo in ereditä.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

4 commenti su “Il debito è democratico

  • erre

    Già.

    E’ uno schifo, ma cosa ci vuoi fare? Tutti gli stati ci smenano, e cambiare il sistema economico mondiale mi sembra quel tantinello aldilà degli obbiettivi che si dovrebbe prefissare una lista civica.

    Sai, mi incuriosivate voi del mov5stelle: parlate di democrazia diretta, azioni locali, proposte su misura per il territorio…poi vengo qui, sul blog dedicato all mia città, e cosa trovo?
    Post sul debito pubblico e TAV fatti solo per creare consenso… forse dovreste concentrarvi sui problemi di Pavia che dite?

  • Umberto Salvatore

    Bravo Paolo, mi piace quando si tirano fuori i numeri.

    Ahinoi il debito sara’ democratico, ma non progressivo.
    Ovvero la tabellina assegna al figlio di un operaio come al figlio del magnate, sempre 31000 euro di debito!!!

    Umberto

  • redazione

    Ciao Erre, Se dici che non ci concentriamo sulla città di Pavia vuol dire che ci conosci poco. Come puoi vedere da tutti gli articoli, il 90% riguardano Pavia e provincia. Ma davanti a certe nefandezze nazionali non si può chiudere gli occhi e far finta di nulla. Far sapere e far conoscere è l’unico modo per far capire. Ti aspettiamo ad uno dei nostri banchetti per zeroprivilegi. Avremo modo di conosceci grazie e contin ua a seguirci.

    Giuseppe

  • PC

    ciao Erre
    ci occupiamo sia di temi locali, sia di temi nazionali che hanno impatto sulla vita di tutti i giorni. il tema dell’acqua e dell’energia Nucleare sono temi locali che vanno trattati a livello nazionale, vedi referendum.
    il tema del debito pubblico è un problema che sembra lontano, ma prima o poi calerà sulla nostra e ciascuno di noi lo sentirà vicino, vedi spagna e grecia.

    31 mila euro è più di quanto un uperaio guadagna netto in 3 anni.

    il debito sembra un tema nazionale perchè il dato è agglomerato, ma è la somma di tutti i debili degli enti locali e nazionali.

    di fatto è il frutto di come vengono gestiti a livello locale le amministrazioni e poi sommato per paese.

    questo debito è frutto delle privatizzazioni selvagge (locali e non) che hanno impoverito il paese, fatte negli anni passati da tutti i governi, della mala gestione degli enti locali, dai derivati dei nostri comuni, dell’evasione fiscale dei nostri vicini di casa, dalla mancata raccolta differenziata che ci constringe a pagare lo smaltimento dei rifiuti di napoli, invece di venderli come materia prima secondaria, e così via….

    il tema del debito pubblico è un tema locale, che prima poi dovrà essere affrontato.