Un solo territorio visto da due occhiali differenti


Riportiamo volentieri questo articolo pubblicato oggi dalla Provincia Pavese e a firma di Giorgio Boatti. Fa riflettere sull’uso sconsiderato del territorio provinciale e ben si innesta nella discussione sulla necessità o meglio sull’inutilità di una nuova autostrada che attraverserebbe la nostra provincia.

Dalla Provincia Pavese di domenica 11 Marzo 2012

Il territorio della provincia di Pavia è uno solo, ma a volte si ha l’impressione che a seconda di chi lo guarda, e degli occhiali che si usano, cambi aspetto, proponendosi in due versioni divergenti. Eppure questa provincia non rappresenta una realtà particolarmente complessa. E’ una media provincia italiana, di antiche tradizioni e con caposaldi di eccellenza nella produzione agricola, in alcuni residui spicchi industriali, in presidi di ricerca e cura e formazione universitaria. Il suo territorio si riassume in un dato essenziale: quasi 3.000 kmq di superficie, 548 mila abitanti e dunque una densità di 184 abitanti a kmq. Forse è proprio qui, nella densità – che ci pone in coda (con Mantova e Sondrio) al fitto insediarsi abitativo e alla conseguente cementificazione che contraddistingue la Lombardia – l’origine degli occhiali diversi che si inforcano nell’osservare il territorio pavese. Per qualcuno tutto questo spazio “residuo” è una manna del cielo. Un’occasione imperdibile di affari e profitti che va colta al più presto. Chi primo arriva – come dice il proverbio – meglio alloggia. Dunque qualunque cosa ci si possa piazzare – dalle discariche alle logistiche, dai centri commerciali ai parchi acquatici, dalle autostrade ai piani di governo del territorio che costruiscono insensatamente prevedendo di moltiplicare per due o per tre gli abitanti in dieci anni – tutto va bene. Purché si faccia in fretta. Paracadutate dove capita e giustificate in qualsiasi modo, tutte queste proposte scrutano il territorio della provincia con sguardo da rapina, calcolano rapidamente il profitto che può derivare dal posarci uova di cemento, discariche di amianto, colate di asfalto e subito si danno un gran daffare per convincere quelli che stanno laggiù in basso, coi piedi posati nella realtà quotidiana della provincia, che tutte queste opere “non si possono non fare”. Quanto siano congrue con le vocazioni economiche e sociali di una località, come si inseriscano nella vita delle comunità, in che misura confliggano con progetti di valorizzazione che si giocano sulla lunga durata e sulla qualità da conseguire con meditata fatica: tutto questo sembra non avere voce in capitolo. A lungo, negli ultimi anni, è andata così. Traccia di queste ricognizioni dall’alto sono rimaste – quando non misteriosamente sparite dagli archivi perché forse troppo imbarazzanti – sulle mappe urbanistiche di tanti comuni della provincia. Poi qualcosa è cambiato. La partecipazione delle persone alle scelte collettive e la maggiore consapevolezza delle comunità sul loro futuro ha fatto qualche passo avanti. I custodi della Legge hanno finalmente cominciato a tener d’occhio i troppi bracconieri di territorio: qualcuno è stato preso con le mani nel sacco, altri – intuendo di essere sotto osservazione – non sanno bene cosa fare. Se mollare il carniere o rischiare per fare l’ultimo bottino, così da garantirsi, se va bene, una vecchiaia serena. Per il territorio della provincia di Pavia questo è un momento cruciale: soprattutto se avanza la consapevolezza che, rifiutando le razzie speculative che divorano aree, bisogna puntare alle vocazioni più preziose di queste terre, anche in vista dell’occasione dell’Expo. Capitale del riso, con Vercelli e Novara, Pavia e la sua provincia può giocare un ruolo significativo se la rassegna del 2015 sul nutrimento rifiuterà il ridicolo del voler ricostruire negli hangar di cemento della fiera di Rho gli habitat delle coltivazioni pregiate distanti poche decine di chilometri. Le produzioni agro-alimentari di qualità, il sistema irriguo lomellino con la bella proposta del Museo delle Acque, l’ambiente naturale del fiume e delle colline, i castelli e le cascine abbinate al sapere dell’antico polo universitario pavese, sono la strada da percorrere con serrato gioco di squadra. Mettendo fine alle razzie che hanno ferito, più di quanto sia tollerabile, questo territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*