CALL TO ACTION: #ArrestanoVoi: vicepresidente Mantovani in carcere, Maroni deve andare a casa.


Meglio di così la Lombardia non poteva festeggiare la giornata della trasparenza: il vicepresidente Mantovani  e braccio destro di Maroni è stato arrestato per corruzione e turbativa d’asta in ambito sanità ed edilizia scolastica. Indagato anche l’Assessore al bilancio Massimo Garavaglia, braccio destro del governatore.
Stiamo predisponendo  una mozione di sfiducia nei confronti di Maroni che si deve dimettere immediatamente. Ci auguriamo che il Consiglio regionale faccia un atto di orgoglio e che converga sulla nostra richiesta”, così Dario Violi capogruppo del M5S Lombardia. “I lombardi non si meritano questa vergogna, loro sono evidentemente meglio di chi li governa. L’arresto di oggi è la prova provata che tante denunce che abbiamo sollevato negli ultimi anni sono fondate e che Maroni, che tra l’altro dovrà andare a processo per “perturbata libertà nel procedimento di scelta del contraente e induzione indebita” in un’inchiesta legata a Expo, non è mai stato in grado di allontanare le lobby di affaristi e corruttori dalla cassaforte dei lombardi. E’ necessario tornare al voto subito e Maroni e i suoi assessori devono tornarsene a casa a cercarsi un lavoro per la prima volta nella loro vita. Per riportare legalità, pulizia e onestà in regione c’è bisogno di una Lombardia a Cinque Stelle”.

Ieri Matteo Salvini ha dichiarato: “Sono orgoglioso del governo di Regione Lombardia, tutti compresi” dopo un vertice sulle alleanze in vista delle amministrative per la Lombardia.

“Ci fa piacere che Salvini – continua Dario Violi – abbia una piena conoscenza di quello che succede in regione. La sua lucidità e il suo orgoglio  per l’“inquisificio” che è ormai il governo della Lombardia, tra Mantovani, Garavaglia e Maroni, non depone a suo favore. A meno che corruttori e tangentisti siano la sua idea di eccellenza lombarda e buona politica. Stando ai fatti la Roma ladrona si è trasferita anche in Lombardia grazie anche al suo partito che ha fatto man bassa di poltrone nominando politici poi inquisiti a diverso titolo. Salvini ha perso un’ottima occasione per tacere: oggi in Lombardia non c’è nulla di cui essere orgogliosi. Ci aspettiamo che trasformi il suo orgoglio di ieri in un atto di onore e che chieda a Maroni un passo indietro”. M5S Lombardia

A fronte di questi fatti, il M5S Lombardia ha presentato una MOZIONE DI SFIDUCIA che si discuterà nel Consiglio Regionale di martedì 20 ottobre a partire dalle ore 10. Per quella data, dalle ore 10, fuori dal Pirellone in via Fabio Filzi 22 (ingresso Grattacielo Pirelli, di fronte alla Stazione Centrale), stiamo organizzando un presidio per far sentire la nostra voglia di legalità e per dimostrare la necessità di mandare a casa questa Giunta in perfetta continuità con quella precedente.

Vi chiediamo una mobilitazione STRAORDINARIA, diffondete l’appuntamento, fate di tutto per esserci e per portare cittadini stanchi di questa politica.

E’ anche possibile partecipare ai lavori d’aula per sostenerci dall’interno dell’Aula e per dimostrare ancora più da vicino la nostra indignazione; per entrare in aula dovete iscrivervi a questo link, fate in fretta perchè ci sono solo 20 posti: http://www.consiglio.regione.lombardia.it/form-accesso-aula .

C’è sempre più bisogno di una Lombardia a 5 stelle e vogliamo che si sappia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*