Istant Question: acqua inquinata a Pavia: qual è lo stato attuale?


Istant Question: acqua inquinata.

Ecco l’istant question che presenteremo nel consiglio comunale di Lunedì 15 Febbraio relativa alla concentrazione di manganese nell’acqua potabile che supera del 100% e più i limiti di legge.

Qui trovi l’interpellanza regionale numero 2513 presentata dai consiglieri regionali Nanni e Fiasconaro relativa allo stato di inquinamento dell’acqua a Pavia Borgo Ticino e Libertà il 27 Novembre 2015

Oggetto: Concentrazione di Manganese oltre i limiti di legge (DLg. N.31 del 2 Febbraio 2001) nell’acqua potabile di due quartieri di Pavia, Borgo Ticino e Centro storico

Gentile Sindaco,

vogliamo ribadire il problema già posto a Novembre 2015 dai nostri portavoce regionali Iolanda Nanni e Andrea Fiasconaro al Presidente di Consiglio di regione Lombardia attraverso l’interpellanza scritta n. ITR 002513, depositata il 27 Novembre 2015, riguardante la Concentrazione di Manganese oltre i limiti di legge (DLg. N.31 del 2 Febbraio 2001) nell’acqua potabile di due quartieri di Pavia, Borgo Ticino e Centro storico (in allegato alla presente IQ). 

Vi chiediamo cosa sia stato fatto per provvedere al ripristino immediato della potabilità di queste acque, sul portale di ASM sono riportate ancora le analisi delle acque potabili dell’Ottobre del 2015, dove si evince che dai pozzi: “Borgo Ticino” e “Libertà” i valori di manganese erano di parecchio fuori limite.

Vi chiediamo anche cosa finora, dei progetti stabiliti dall’amministrazione a difesa e tutela ambientale che coinvolgono direttamente lo stato di salute dei cittadini, sia stato fatto. In particolare ci riferiamo al programma 04 del Documento Unico di Programmazione (DUP) intitolato: Servizio idrico integrato, la cui responsabilità, dalla progettazione alla realizzazione è in capo al Comune, nonostante Pavia Acque (partecipata di ASM) non sia una società totalmente pubblica. 

Ricordiamo anche che nella zona di via Libertà – Ticinello, a metà Dicembre per due giorni consecutivi, i rubinetti erogavano acqua marrone e maleodorante.

Questo ci fa pensare ad un contesto di inottemperanza di quanto nero su bianco questa amministrazione ha dichiarato nel suo programma, aggiunto alla totale indifferenza ai risultati delle analisi delle acque potabili e perciò disinteresse alla salute dei cittadini che bevono a loro rischio e pericolo quelle acque.

Quantunque poi questo disinteresse sui valori del manganese fuori limite venga giustificato dalla non pericolosità per la salute, sia dal Presidente di ASM Duccio Bianchi <non pericolosi per la salute> (Provincia Pavese – 30 Novembre 2015), sia dal Vostro assessore Angelo Gualandi quando sostiene che sono valori indesiderabili ma non pericolosi, rimane il fatto che per noi sono comunque affermazioni gravi perché valutazioni anzi sottovalutazioni arbitrarie dei limiti imposti dalla legge (DLg n. 31 del 2 Febbraio 2001).

Ci risulta anche difficile credere al parere dei tecnici comunali che sostengono non vi sia correlazione tra la discarica di rifiuti nocivi posta a 1700 metri dal pozzo del Borgo con “l’intossicazione di ferro e manganese” di queste acque.

Ci risulta poi incomprensibile che stiate temporeggiando per la bonifica di questa discarica, comunque da considerarsi tossica e pericolosamente vicina alle acque che beviamo, rimpallando la responsabilità ad un pronunciamento del TAR.

 Ci aspettiamo risposte CHIARE e SOLUZIONI DEFINITIVE per eliminare i rischi della salute dei cittadini di Pavia.

La difesa del nostro ambiente, della nostra salute deve essere una priorità indiscutibile!


–  GIuseppe Polizzi – M5S Pavia

Analisi:

Magnese oltre i valori a norma a Pavia

Magnese oltre i valori a norma a Pavia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*