Caso dirigente lavori pubblici


Giuseppe Polizzi (MoVimento 5 Stelle Pavia): «Sulla nomina del dirigente Mericco avevamo avvertito il sindaco Depaoli delle diverse opacità. Il Tribunale del Lavoro di Pavia ha dato ragione a chi, come noi e gli stessi lavoratori dell’ufficio Lavori pubblici, in quella nomina vedeva qualcosa che non andava. E dunque ha annullato l’atto. Questo errore ci è sino a ora costato circa 15.000 di spese legali (12.000 euro liquidate a favore dell’avvocato che ha difeso il Comune di Pavia e ulteriori euro 3.000 di condanna alle spese). Siamo al totale caos nel servizio Lavori pubblici, una situazione peggiore di quella avuta sotto la Giunta Cattaneo. Ci risulta che il Sindaco Depaoli voglia mantenere l’incarico al Dirigente fino a che non verranno depositate le motivazioni della sentenza. Se così fosse, abbiamo presentato diverse istant a riguardo, valuteremo gli estremi per un esposto in Procura».

In allegato le tre istant depositate in data odierna.
  • Dirigente Mericco (1)

Ci risulta che l’arch. Mericco, pur essendo intervenuta una sentenza del giudice del lavoro di Pavia che dichiara illegittima la nomina e annulla l’atto, continui a ricoprire l’incarico da dirigente.

Chiediamo per quale ragione l’arch. Mericco prosegua a ricoprire tale incarico; altresì, in termini più generali, chiediamo quali siano le conseguenze dell’annullamento dell’incarico all’arch. Mericco, in ordine agli eventuali titoli di responsabilità degli amministratori, dirigenti comunali, che hanno proceduto alla nomina illegittima e alla conseguenze sul piano della responsabilità contabile e civile. In particolare ci domandiamo, sotto quest’ultimo profilo, dato il parere di ammissibilità fornito dalla dott.ssa Dello Iacono, quali conseguenze vi siano in capo a questo dipendente pubblico per aver dato parere positivo sulla nomina dell’arch. Mericco poi dichiarata illeggittima dal Tribunale del Lavoro di Pavia.

Giuseppe Polizzi

(MoVimento 5 Stelle Pavia)

  • Spese legali (2)

Con delibera di Giunta n. 239 del 2016 era conferito un incarico a un avvocato del Foro di Pavia per la difesa del Comune di Pavia contro il ricorso di un dipendente del Comune di Pavia avverso all’atto di nomina dell’arch. Mericco. L’importo complesivo delle spese legali autorizzate per la difesa del Comune in primo grado riconosciuto a favore dell’avvocato incaricato è pari a euro 11.575, 93. Chiediamo se tale importa è da ritenersi congruo, rispetto alle vigenti tabelle professionali.

Giuseppe Polizzi

(MoVimeno 5 Stelle Pavia)

  • Conseguenze sugli atti adottati dall’arch. Mericco (3)

Chiediamo di sapere se in ragione del provvedimento del Giudice del Lavoro di Pavia di annullamento della nomina dell’arch. Mericco gli atti adottati dall’arch.. Mericco debbano ritenersi nulli o comunque viziati di illegittimità.

Giuseppe Polizzi

(MoVimento 5 Stelle Pavia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*